Offri o cerchi lavoro? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





trovare lavoro
trovare lavoro

Come trovare lavoro nel 2019

Trovare lavoro nel 2019 è facile se si è esperti di big data, ma più in generale se si hanno competenze informatiche. La digital transformation, infatti, secondo i dati Excelsior-Anpal è destinata a produrre quasi 270mila occupati in più. Quando si parla di trasformazione digitale, si fa riferimento a quel processo di digitalizzazione dell'economia per effetto del quale il lavoro sta conoscendo una profonda evoluzione, che coinvolge anche i processi di organizzazione aziendale e di produzione, tanto negli uffici quanto nelle fabbriche. Dal settore della comunicazione a quello della meccatronica, dalla ricerca alla robotica, sono numerosi gli ambiti chiamati in causa.

In quali campi si trovano le migliori opportunità? Ci siamo confrontati con un operatore del settore: AppLavoro.it, a loro parere sono 5 i settori in cui è possibile trovare maggiori occasioni di impiego nel 2019, vediamoli insieme:

Le professioni dell'ICT

Se si è in cerca di lavoro, insomma, è consigliabile avere un ruolo importante nella rivoluzione digitale, che non può prescindere dalle professioni dell'ICT: mansioni che presuppongono competenze digitali di natura informatica e matematica, come per esempio l'analisi di mercato, l'intelligenza artificiale e la sicurezza informatica. Tra le nuove professioni richieste nel corso degli ultimi anni ci sono il social media manager e il big data analyst, ma anche il data scientist e il cyber security expert, senza dimenticare il cloud computing expert, l'artificial intelligence systems engineer e il business intelligence analyst.

Gli effetti della rivoluzione digitale

 Non bisogna pensare che la rivoluzione digitale abbia a che fare unicamente con i settori ad alta innovazione, dal momento che a essere coinvolti sono anche professioni classiche e mestieri tradizionali che, per effetto delle nuove tecnologie, sono costretti a rinnovarsi, come avviene per il recruiting, per la gestione delle risorse umane, per l'industria musicale e, ovviamente, per il commercio. Quella che stiamo vivendo, infatti, è l'era dell'e-commerce, che fa sì che gli acquisti non siano più limitati unicamente agli store e ai negozi fisici: oggi lo shopping online è una realtà per i 43 milioni di italiani connessi a Internet.

Il gaming e la musica

Due settori in cui potrebbe essere facile trovare sbocchi lavorativi quest'anno sono quelli del gaming e della musica. Il primo è ovviamente connesso all'economia digitale, complice la crescita della produzione di videogiochi nel nostro Paese: il game designer, il game programmer e l'artist & animator sono i professionisti più ricercati. Per quel che riguarda l'industria musicale, invece, c'è bisogno di vlogger, di blogger, di specialisti Seo e di app developer che siano in grado di destreggiarsi tra marketing online, streaming e nuove piattaforme digitali.

La green economy

La green economy, a sua volta, è un fattore decisivo nell'economia attuale, e si ritiene che la trasformazione ecosostenibile possa portare a una richiesta di quasi mezzo milione di lavoratori nuove. Sempre più, nel corso degli anni a venire, le filiere produttive saranno costrette a procedere a una riorganizzazione dei processi in un'ottica green, e dunque rispettosa del contesto ambientale, con un occhio di riguardo per il riciclo dei rifiuti e per il risparmio di energia. Le logiche di produzione avranno bisogno di competenze inedite e professionalità innovative.

La blue economy

Infine, in questo scenario non si può fare a meno di prendere in considerazione la blue economy, che chiama in causa le biotecnologie blu, il turismo marittimo, l'acquacoltura e l'energia blu: insomma, tutto quello che ha a che fare con l'economia del mare, la quale mette a disposizione una ricca varietà di opportunità per le generazioni più giovani. Nel nostro Paese l'economia blu si basa sull'operatività di circa 200mila imprese, con un tasso di crescita di oltre il 10% negli ultimi 5 anni e un volume di affari che supera i 45 miliardi di euro. Le competenze richieste? Biotecnologia e ingegneria navale, ma anche conoscenze scientifiche per le estrazioni marine.


Offri o cerchi lavoro? REGISTRATI GRATUITAMENTE!

  • Login
  • Registrazione gratuita
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy