Offri o cerchi lavoro? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





congedo per maternità
congedo per maternità

Il congedo per maternità

Il congedo obbligatorio per la maternità è il periodo in cui la legge stabilisce che non devi lavorare. Ha una durata complessiva di 5 mesi, 2 prima del parto e 3 dopo la nascita del bambino. Ma puoi anche scegliere, con il consenso del medico, di ridurre a un solo mese il congedo prima del parto, per poter usufruire di 4 mesi nel periodo successivo, per accudire il bambino. Non rientrano i periodi e le giornate utilizzati per sottoporsi a iter di inseminazione artificiale. Oltre al congedo obbligatorio, c'è il congedo parentale, che può essere richiesto anche dal papà. Informati presso la tua ASL per saperne di più.
Se hai problemi ad ottenere questi benefici dal tuo datore di lavoro, parlane con il tuo medico che può indirizzarti a qualcuno che saprà aiutarti.

Qualunque siano i tuoi progetti, lasciare il lavoro alcuni mesi prima o lavorare fino al giorno del parto, devi essere pronta a lasciare il lavoro alla fine dell'ottavo mese. Dovrai istruire la persona che ti sostituirà in modo che possa svolgere temporaneamente il tuo lavoro. Pianifica i periodi nei quali chiamerai l'ufficio e cura gli altri dettagli.

- Pensa in anticipo
Pensa a come prepararti nel caso le acque si rompessero o dovessi avere altri problemi sul posto di lavoro. Tieni dei fazzolettini e alcuni assorbenti a disposizione. Porta sempre con te la carta di identità e il libretto sanitario. Controlla con l'ufficio delle risorse umane che siano pronti i documenti per il congedo di maternità.
Nel caso dovessi andare in ospedale direttamente dall'ufficio, tieni la tua valigia pronta a casa. Ho visto dei partner mettere cose davvero insolite nella borsa da preparare e portare in ospedale perché la donna non aveva fatto in tempo!

- Prepara la tua sostituta
I problemi vanno affrontati dopo aver addestrato la persona che prenderà in mano il tuo lavoro e che lo farà come faresti tu. Spiegale le procedure dell'ufficio, le regole e le particolarità per svolgere il lavoro in modo efficiente. È preferibile che questa persona faccia il tuo lavoro mentre ci sei ancora, cosicché tu possa valutarla direttamente.
Prima di andare via, parla un'ultima volta con la tua sostituta, il tuo capo e i tuoi colleghi per riesaminare i dettagli di cui ti devi occupare prima di lasciare il lavoro. Rivedete insieme i piani che hai preparato.

Spiega ai tuoi colleghi in che modo possono tenersi in contatto con te (sarai tu a chiamarli? Quando possono chiamarti loro?).
Programmare le telefonate è una buona idea perché permette ai tuoi colleghi di avere informazioni disponibili da darti e le domande pronte per quando chiamerai.

È meglio avere qualche noia piuttosto che varie persone che ti chiamano ogni giorno per farti domande quando tu stai cercando di concentrarti sul tuo bambino. Informarli in anticipo di quando chiamerai è un modo per fissare delle linee di condotta e per fare in modo che tu abbia la situazione sotto controllo.