Offri o cerchi lavoro? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





lampadari moderni
lampadari moderni

Lavoro artigianale del vetro: dal vetro alle lampade, fino ai lampadari moderni!

Sono molteplici e differenti fra loro i metodi per la lavorazione del vetro e, in breve, si possono riassumere fra lavorazione artigianale e lavorazione “meccanica”.

Quella meccanica piu’ nota è quella del vetro denominato “piano”, cioè in lastra, e quella del vetro cavo, cioè boccette varie, bottigliette..)
La modernità regna in questi due settori, dove la macchina ha sostituito l’uomo per ragioni di praticità, velocità e, quindi, maggiore produttività.
Ma cosa dire della magia dell’arte della lavorazione del vetro di Venezia, denominato “vetro di Murano”, la piu’ antica e la piu’ nobile fra le arti delle tecniche di lavorazione del vetro, dove l’oggetto prende forma e vita sotto l’esperienza e l’abilità del Maestro Vetraio Muranese.

Si puo’ osservare il Il Maestro vetraio usare due strumenti:  pinzette di varie forme davanti alla fiamma di un cannello di gas acceso  oppure l’uso di una lunga canna, detta 'canna da soffio', vuota all’interno. Con quest’ultima, sommariamente, diciamo che il Maestro Vetraio immerge la canna nella “vasca” dove c’è il vetro in forma liquida all’interno di una fornace.

All’interno della fornace arde il fuoco vivo a altissime temperature; il Maestro immerge la canna all’interno della vasca e la estrae, portando “appiccicato” all’ estremità il vetro fuso, pronto per essere forgiato, modellato. Soffiando all’interno della canna, Il Maestro Vetraio inizia a modellare il vetro che stà raccolto all’estremità in fondo della canna stessa (quella opposta all’artigiano che stà soffiando). L’operazione si ripete varie volte, inserendo anche velocissimamente la canna nella fornace per fare riammorbidire il vetro, in modo che l’artigiano puo’ riprendere a forgiarlo e formarlo.

Da queste tecniche sono nati della tradizione muranese che, ancora oggi, fanno sfoggio della loro bellezza e eleganza, nei palazzi storici del mondo e nelle case signorili.
Questi lampadari moderni sono vere e proprie opere d’arte.

La tecnica da “soffio” puo’ essere eseguita con soffio “libero” oppure con “stampo”.
L’uso del soffio a “stampo” viene utilizzato quando si ha la necessità di realizzare un prodotto in molteplici esemplari, senza margini di differenze evidenti fra un pezzo e l’altro.
La qualità del vetro di questi lampadari moderni resta perfetta, in ogni suo particolare e la forma è sapientemente calibrata dal Maestro Vetraio che soffia il vetro all’interno dello stampo.

Ed ecco che da questa tecnica, dall’amore,  dalla passione e dalle mani sapienti dei Maestri Vetrai Muranesi nascono lampadari moderni di varie forme e in vari colori… anche bianchi come una nuvola.
Linee morbide, ispiratrici di armonia e leggerezza, tratti apparentemente statici ma in realtà in movimento perenne, il continuo susseguirsi delle nuvole del cielo e delle onde del mare, cosi’ come il susseguirsi degli avvenimenti, dell’alternanza del giorno e della notte.
La perenne trasformazione della vita attraverso i suoi cicli naturali, come il cambio delle stagioni… un’apparente scorrere del tempo e della propria trasformazione in base alle nuove tecnologie, senza che in realtà la tradizione ne venga in alcun modo scalfitta.

In effetti, in questi lampadari moderni, il prestigio della tradizione si fonde con l’utilizzo della tecnologia a Led.
Per essere moderni non è necessario un distacco netto o assoluto dalle origini, proiettandosi verso un’orizzonte futuro, senza la comprensione e il rispetto verso tradizioni che hanno accompagnato i lampadari moderni e che ancora li accompagneranno in ulteriori sviluppi, ma si puo’ meglio interpretare come il rispondere alle domande del presente, facendo fede sui veri principi di sanità spirituale, ispiratori della creatività, dell’espressione dell’arte, della passione e dell’amore verso le forme.

I lampadari moderni sono le intuizioni del passato, desideri trasformati e calati nella realtà di oggi, pronti a essere elaborati per il futuro.