Offri o cerchi lavoro? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





riparazione elettrodomestici
riparazione elettrodomestici

Il lavoro di riparatore elettrodomestici, uno sguardo più ravvicinato

Come si diceva parecchio tempo fa “siamo nell’anno di grazia” 2017, ma proprio parlando di tempo che passa parliamo anche di tecnologia di cui siamo praticamente circondati ovunque, dal negozio sotto casa fino al mediaworld o unieuro più vicino.

Computer, tablet, smartphone, impianti stereo, televisioni smart o classiche, ma anche lavatrici e lavastoviglie, cucine, microonde e chi più ne ha più ne metta.
Può succedere che uno di questi congegni ci dia dei problemi e non funzioni più come si deve, allora cosa si fa lo si ripara o lo si cambia? Questo è un discorso che riguarda in particolar modo i grandi elettrodomestici, che sono indubbiamente più indispensabili nell’utilizzo quotidiano.

Possibilmente, in caso di gusto, se è ancora in garanzia si sceglie la prima opzione (la riparazione) e spesso si opta per la riparazione anche se la garanzia è scaduta (in barba a quella che viene chiamata obsolescenza programmata) ciò perché normalmente la riparazione degli elettrodomestici costa meno che comprarne uno nuovo, nonostante il luogo comune “fai prima a comprarne uno nuovo”, che tra l’altro non risulta neanche particolarmente ecologica come scelta…

Proprio in quei casi di necessità di riparazione rapida dell’elettrodomestico si vede che avere a disposizione un nominativo di un tecnico esperto ed onesto risulta essere di una certa utilità, in qualunque parte dell’Italia si abiti, al nord come per l’assistenza a Torino o Milano, al centro come Roma o nel sud come Napoli o Catania.

Essere un tecnico specializzato in questo campo è quindi una attività che dovrebbe essere abbastanza conveniente e proprio per questo è un lavoro che ormai da anni ha preso piede sempre più, soprattutto con l’avvento di internet e degli smartphone con i quali trovare un riparatore elettrodomestici è diventato molto immediato.

Non ci si può improvvisare tecnici di riparazione elettrodomestici in nessuna parte d’Italia, questo lavoro richiede una certa competenza, sia per questioni di onestà, non si può andare a casa di un cliente, riparare l’elettrodomestico, farsi pagare e dopo due giorni magari il problema si ripresenta.

Quanto sopra è una dimostrazione di scarsa competenza ed onestà, ma oltre a questi due elementi bisogna aggiungere un altro elemento di una certa importanza, ovvero la sicurezza in casa e delle persone che ci vivono. Mettiamo infatti caso che durante l’utilizzo di un asciugacapelli questo si incendi, o mentre si usa l’aspirapolvere si prenda una scossa, o che la lavatrice scarichi l’acqua in posti dove non dovrebbe, magari nei pressi di impianti elettrici, non sono certo situazioni che devono essere prese sottogamba.

Un tecnico certificato

Quindi un tecnico di riparazione elettrodomestici deve essere adeguatamente certificato nel campo, informato sugli ultimi sviluppi tecnologici e anche informato adeguatamente sulla regolamentazione relativa.
Per ultimo, forse meno importante, ma che comunque non guasta, deve essere in grado di relazionarsi adeguatamente coi clienti, infatti si può essere il migliore nella riparazione elettrodomestici della propria città, da Torino a Catania, ma se si pecca nel relazionarsi col cliente la mancanza di onestà e cortesia spingerà il cliente a non consigliarlo ad amici e conoscenti. Essere una persona competente nel proprio lavoro e riuscire a relazionarsi bene con un cliente in qualunque parte d’Italia si abiti, da una grande città come Torino a un posto sperduto in Sardegna è il modo migliore per fare buoni affari. Nel caso dei riparatori di elettrodomestici, visto che c’è bisogno di un certa fiducia, forse questo discorso vale ancora di più.