Offri o cerchi lavoro? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





corsi di formazione
corsi di formazione

Cosa fare quando si perde il lavoro: consigli per gestire in modo costruttivo un periodo di disoccupazione

La disoccupazione affligge milioni di persone, giovani e meno giovani. Perdere il lavoro è un’esperienza molto delicata, che può compromettere seriamente l’equilibrio personale. Oltre ad un danno economico non indifferente, il licenziamento o il mancato rinnovo di un contratto di lavoro possono generare un profondo disagio psicologico.

Sopravvivere alla disoccupazione, adattarsi alla stessa e cercare di trasformarla, per quanto possibile, in un periodo positivo della propria esistenza è possibile. Vediamo come. Il primo passo fondamentale consiste, innanzitutto, nell’accettare la situazione. Accettate il fatto che l’impiego che avevate è ormai perduto ed il reinserimento nel mondo del lavoro potrebbe richiedere tempo. Non colpevolizzatevi e non lasciatevi abbattere dai pensieri angoscianti. Prendetevi il tempo necessario per metabolizzare e rielaborare l’accaduto, senza però lasciarvi andare in recriminazioni e sterili lamentele.

L’unica cosa che potete fare è agire e reagire. Nella fase di accettazione e rielaborazione è consigliabile fare movimento ed attività fisica all’aria aperta, che, notoriamente, hanno effetti positivi sulla psiche e sull’umore, aiutando a combattere lievi forme depressive. Una volta superata la fase iniziale di legittima rabbia e delusione, iniziate a darvi da fare. Passate almeno due ore al giorno su LinkedIn ed inviate la vostra candidatura alle persone giuste. Un buon consiglio è quello di sondare non solo nel vostro settore, ma di essere aperti anche ad opportunità di occupazione in altri ambiti. Comunicate a quante più persone possibile la vostra completa disponibilità a fare esperienze nuove.

Rivolgetevi alle agenzie del lavoro, enti pubblici o privati che svolgono specificamente attività di intermediazione, ricerca e selezione del personale, oltre che di formazione e supporto alla ricollocazione nel mercato del lavoro. Per evitare di rimanere senza un introito per troppo tempo, richiedete il sussidio di disoccupazione, un sostegno economico che può rendere meno complessa la delicata fase di transizione tra un impiego e l’altro. L’indennità di disoccupazione spetta a chi ha perso, suo malgrado, il lavoro. Se, invece, avete presentato voi le dimissioni, in genere occorre attendere un certo periodo di tempo per poterne usufruire.

Chiedete informazioni a riguardo all’agenzia del lavoro o all’ufficio di collocamento. Oltre il 60% degli addetti al Human Resource Management consiglia di frequentare corsi di formazione professionale durante il periodo di disoccupazione. Non smettete mai di imparare, mettervi in gioco e prendere l’iniziativa. Frequentare corsi di aggiornamento ed iscriversi a corsi di formazione a distanza, che potete gestire in modo autonomo, è un modo costruttivo di affrontare la disoccupazione. Maggiori e migliori competenze professionali avete modo di acquisire, maggiori saranno le probabilità di trovare presto un nuovo impiego stimolante ed appagante.

Intraprendendo percorsi formativi inerenti il vostro settore lavorativo, inoltre, dimostrate quanto seriamente siete dedicati alla vostra carriera. Un ottimo modo di mantenere il contatto con gli altri e riempire il vuoto inevitabilmente lasciato dagli impegni lavorativi quotidiani che non ci sono più è quello di dedicarsi ad una causa. Fare volontario, oltre ad essere estremamente gratificante, dà modo di acquisire competenze e stringere rapporti interpersonali che potrebbero rivelarsi utili per creare nuove opportunità professionali.

La spiacevole perdita del posto di lavoro può diventare anche l’occasione per mettervi in proprio ed avviare la vostra attività, passando dall’essere lavoratori subordinati all’essere lavoratori autonomi, imprenditori o liberi professionisti e mettere a frutto l’esperienza maturata negli anni. Sono disponibili incentivi e strumenti di sostegno alle imprese di nuova costituzione, aiuti per lo sviluppo di società cooperative e fondi nati per favorire la nascita di start-up innovative ad alto contenuto tecnologico.