Offri o cerchi lavoro? REGISTRATI GRATUITAMENTE!





diventare cuoco
diventare cuoco

Cuochi, come si intraprende questo mestiere

Uno dei mestieri più in voga degli ultimi anni e che per alcuni è equivalso a diventare vere e proprie star, quello del cuoco o chef rappresenta un lavoro difficile, faticoso, ma spesso ricco di soddisfazioni e gratificante. Alcuni hanno iniziato questa professione frequentando qualche scuola alberghiera a Roma o nelle altre città in cui sono presenti sul territorio, altri magari facendo da apprendisti nella cucina del ristorante di famiglia.

Tante possono essere le modalità con cui si può avviare questo tipo di lavoro. Comunque, come si diventa cuochi e magari un giorno divenire vere e proprie celebrità dei fornelli? Il sogno di tutti è quello di riuscire a diventare "stellati", cioè ottenere una o più stelle Michelin per la qualità dei piatti creati, preparati, serviti e fatti gustare ai propri clienti, una sorta di premio Oscar della cucina. Da qui poi è possibile diventare celebri scrivendo libri, tenendo rubriche sui giornali oppure conducendo trasmissioni televisive.

Percorso scolastico

Il percorso per arrivare a tutto questo tuttavia non è semplice e spesso i primi anni, prima di affermarsi, sono difficili e faticosi. Generalmente si inizia frequentando una scuola apposita, che in Italia è l'istituto alberghiero. Questo è suddiviso in diversi settori, tra cui quello di operatore di cucina, il cui attestato si ottiene dopo tre anni di frequenza. Se a questi se ne aggiungono poi altri due, si potrà ottenere il diploma di tecnico dei servizi di ristorazione, certificazione che può aprire le porte alle prime esperienze di lavoro. E' possibile tuttavia anche dedicarsi alla cucina dopo aver frequentato altri istituti superiori.

Comunque, il passaggio successivo a questi, alberghieri o altri che siano, è quello di approfondire la materia e magari specializzarsi ulteriormente seguendo i corsi all'interno di una facoltà universitaria apposita oppure di qualche accademia di alta cucina. Da questo punto di vista infatti tanti sono gli atenei pubblici e gli enti privati che, negli ultimi anni, hanno aperto corsi in tale ambito. La frequenza di queste accademie o scuole di cucina permette tuttavia non solo di conoscere ed approfondire gli aspetti teorici, ma anche ampliare le esperienze sul campo, direttamente tra i fornelli, che rappresentano un'ottima base di partenza per la futura carriera di cuochi.

Una volta concluso il percorso in tali università o accademie, si possono cominciare ad avere le prime opportunità di lavoro. Naturalmente, per diventare cuochi di successo, non bastano solo preparazione scolastica o accademica ed esperienza, ma anche doti ed abilità personali. Tra queste sicuramente vi devono essere pazienza, organizzazione, ma soprattutto fantasia. E' quest'ultima che fa distinguere un piatto dagli altri, che rende un cuoco e le sue creazioni davvero originali. Se si uniscono tali capacità, innate o acquisite, alla dedizione, alla passione per il proprio lavoro, allora la carriera di cuoco non potrà che essere soddisfacente.